1997 / Il viaggio di una segheria

DAL TRENTINO ALLA TANZANIA

NEL I997 IL COMUNE DI PINZOLO HA MESSO IN VENDITA UNA VECCHIA SEGHERIA, PERFETTAMENTE FUNZIONANTE, AD UN PREZZO PARICOLARMENTE FAVOREVOLE. UN’OCCASIONE UNICA PER I VOLONTARI DI MORI IMPEGNATI NELLA PARROCCHIA DI MATEMBWE CON LA REALIZZAZIONE DELL’ACQUEDOTTO DI MTAKUJA PRIMA E DELLA CHIESA DI IGOMBOLA POI.

HANNO ACQUISTATO L’IMPIANTO PENSANDO DI SFRUTTARE IL VASTO BOSCO DI 400 ETTARI CHE SORGEVA NELLA VALLATA VICINO ALLA MISSIONE. GLI ALBERI ERANO STATI PIANTATI, CON INTUITO E LUNGIMIRANZA, DAI PRIMI MISSIONARI GIUNTI NELLA ZONA INTORNO AGLI ANNI ’50. FRA QUESTI ANCHE PADRE FRANCESCO CATTOI ORIGINARIO DI MORI PROFONDO CONOSCITORE DI ESSENZE ARBOREE, DI ERBE MEDICINALI E DEL MONDO VEGETALE.

NATA CON LO SCOPO DI FORNIRE LEGNAME PER L’EDILIZIA E PER LE COSTRUZIONI, LA PIANTAGIONE POTEVA RAPPRE SENTARE UNA FONTE DI SOSTENTAMENTO PER LA MISSIONE MA PURTROPPO NON ESISTEVANO STRUMENTI PER METTERE A PROFITTO QUESTE POSSIBILITA’.

I VOLONTARI MORIANI, PENSANDO AD UN PROGETTO PER SFRUTTARE QUESTA INGENTE RISORSA, ACQUISTARONO QUINDI LA SEGHERIA CHE CON UN LAVORO PARTICOLARMENTE DELICATO E DIFFICILE VENNE SMONTATA CON PARTICOLARE CURA, PEZZO PER PEZZO, IMBALLATA E SPEDITA IN TANZANIA PER ESSERE POI RIASSEMBLATA. LA SEGHERIA PERMETTE DI LAVORARE GRANDI TRONCHI E DI FORNIRE DELLE ASSI PREZIOSE ED ALTRO LEGNAME MOLTO RICHIESTO PER LE COSTRUZIONI. ANCOR OGGI PERFETTAMENTE FUNZIONANTE, E’ DIVENTATA IMPORTANTE OCCASIONE DI LAVORO PER LA POPOLAZIONE LOCALE ED INOLTRE UNA DELLE MAGGIORI FONTI DI ENTRATA PER IL SOSTENTAMENTO DELLA MISSIONE.